4 giorni a Vienna: non solo mercatini di Natale

DSC_0361

4 giorni a Vienna: non solo mercatini di Natale.

I viaggi in genere cominciano molto prima di partire. Cominciano nella nostra mente. Si alimentano di suggestioni, polverosi ricordi di un libro di Storia o vivide immagini dalla storia dell’arte, letture frettolose da Lonely Planet e consigli spiccioli di altri viaggiatori scovati online. Molto spesso anche di emozioni e racconti di travel blogger, lo ammetto. Saper raccontare un luogo non è facile e così quando inciampo in una bella scrittura me ne innamoro e mi lascio sedurre per un po’. Beh, se dovessi descrivere con una sola parola l’idea di Vienna sedimentata prima della partenza direi: imponenza. E questa volta la realtà non ha smentito la percezione iniziale. Certo Vienna ha moltissimo da offrire e sono sicura che tornandoci scoprirei sempre qualcosa di nuovo, qualche sfumatura che mi sono persa. Ma quello che colpisce la prima volta è la sua grandezza imperiale, quella eleganza aristocratica sussurrata ad ogni angolo, nelle sale da tè, negli antichi caffè e nelle pasticcerie storiche, nei palazzi nobiliari maestosi, nelle sale da ballo che riecheggiano valzer viennesi, tra i viali alberati solcati da carrozze con cavalli. Emozionante è stato il concerto di Strauss e Mozart con cena elegante che avevamo prenotato per la sera di Natale in uno dei palazzi storici della città. Eppure Vienna non è solo barocca e severa, austera e romantica ma è anche un vivacissimo centro di arte moderna e teatro di numerose manifestazioni culturali, eventi e concerti.

A renderla ancora più magica sono poi i mercatini di Natale e l’atmosfera fiabesca che si respira in ogni angolo della città. Potete trovarli presso il Municipio, il castello di Schönbrunn e nel famoso parco del Prater. Resterete incantati dalle mille leccornie, tra casette di cioccolato e biscotti di marzapane, tazzine di punch viennese caldo, vin brulè, brezel giganti e tanti prodotti artigianali.

Per spostarci in città questa volta abbiamo utilizzato pochissimo la metro, efficiente e ben articolata, e moltissimo il servizio di taxi privato Uber. Molto conveniente e utilissimo per chi ha pochi giorni e vuole sfruttarli al massimo per vedere tutte le principali attrazioni.  Si accede al servizio direttamente dall’applicazione sullo smartphone e basta indicare la posizione in cui si vuole l’appuntamento e attendere la risposta di Uber sui tempi previsti (in genere 5/10 minuti!) per l’arrivo dell’autista. Anche il pagamento viene gestito tramite app con carta di credito e puoi addirittura chiedere all’autista di ascoltare in auto le tue playlist preferite su Spotify! Noi ovviamente abbiamo tormentato gli autisti con quelle natalizie!! 😀

Prima di passare alle 8 cose che secondo me non puoi assolutamente perdere a Vienna, una menzione va all’hotel in cui abbiamo pernottato: il Ruby Sofie Hotel. Se andate a Vienna sceglietelo, ve ne innamorerete come me, ne sono certa. Ogni stanza è uno spazio glamour di materiali bellissimi, smart design e tecnologia. La musica è il tema centrale e ogni camera ha un ipad sintonizzato sulla radio dell’hotel molto cool…e una doccia con vetro a vista, molto hot! 😀 Ma sono andata in estasi totale quando ho visto la fighissima “stanza della meditazione”…cui hanno accesso tutti gli ospiti con la propria chiave! Un cuscino al centro, tappeto, luce soffusa e nient’altro che musica da meditazione. E ancora un terrazzo per fare yoga, un angolo cucina con rubinetti di acqua bollente per fare il tè, ferro da stiro e distributore automatico di acqua e vivande su ogni piano, chitarre disponibili se hai voglia di suonare collegandole all’amplificatore in camera, una zona reading bellissima…cibo bio delizioso. Insomma, il top.

IMG_4434

4 giorni a Vienna: non solo mercatini di Natale. Ed ecco le cose da non perdere a Vienna!

1. Stephansplatz e il Duomo di Santo Stefano. “Steffi” per i Viennesi. L’apoteosi del gotico. Il suo profilo maestoso e oscuro ci è apparso di colpo da un vicoletto laterale e ci ha lasciati senza fiato. Particolarissimo il rivestimento del tetto con tegole di maiolica colorate. Di sera lo abbiamo trovato ancora più suggestivo e misterioso con le sue torri e le guglie interamente avvolte da una fitta coltre di nebbia.

IMG_4353

2. Hofburg. La residenza invernale degli Asburgo è in realtà un immenso e maestoso complesso architettonico con 18 palazzi, una grande piazza e due parchi. La visita include il Museo della Principessa Sissi, il Museo delle Argenterie e gli Appartamenti Reali. Si notano gli stili che hanno caratterizzato le diverse epoche e i gusti degli imperatori ma dominano barocco e neoclassico. Amo i capelli lunghi ma non invidio quelli della principessa Sissi che toccavano le caviglie e richiedevano 3 ore di pettinate!

DSC_0391

3. Rathausplatz. Se andate a Vienna nel periodo natalizio non perdetevi a partire da Novembre il mercatino più grande di Vienna nella piazza del Municipio. Tante casette in legno piene di luci colorate e ricolme di souvenir e bontà tipiche, alberi addobbati con decorazioni giganti e profumi di dolci appena sfornati regalano un’atmosfera magica.

DSC_0361 DSC_0366 DSC_0367 DSC_0370 DSC_0375 DSC_0376 DSC_0379 DSC_0380

4. Il castello di Schönbrunn. Ex residenza estiva della Principessa Sissi è un capolavoro di arte barocca. Le sale del castello sono prevalentemente in stile rococò e lasciano immaginare abiti sontuosi, valzer in sottofondo, luci brillanti dai lampadari di cristallo, vassoi colmi di dolci, specchi, ori e tanto sfarzo. Nella sala degli specchi suonò all’età di 6 anni Mozart, allora un bambino prodigio. Splendida la Grande Galleria con gli stucchi in bianco e oro e gli affreschi del soffitto che ne fanno uno dei più sontuosi saloni delle feste di stile rococò. D’inverno bisogna fare uno sforzo di immaginazione per apprezzare i parchi e i giardini curatissimi che in primavera devono essere un tripudio di colori. Dopo la visita anche qui nel cortile antistante il Palazzo di  Schönbrunn troverete un altro mercatino natalizio con più di 80 bancarelle e con lo scenario del maestoso palazzo e del grande albero di Natale illuminato potrete gustare qualche prelibatezza come la patata al cartoccio servita con formaggio filante e prosciutto e tenervi al caldo con del vin brulè!

schloss-schoenbrunn-neu-40970-19to1151112_1114_b47cb

(foto da Pinterest)

5. Castello Belvedere. Anche qui il barocco domina e la struttura è suddivisa in due castelli, il Belvedere Inferiore con le sale private del Principe Eugenio e quello Superiore con un’ampia raccolta di opere d’arte austriache dal Medioevo ai nostri giorni. In particolare qui potrete ammirare il famosissimo “Il Bacio” di Klimt e importanti opere di Schiele e Kokoschka. Noi siamo stati fortunati a trovare in atto una mostra sulle donne dei 3 famosi artisti. Incantevole anche il giardino smisurato del Castello.

17249825428_6f9f4c541c_b

(foto da Pinterest)

6. Prater. Il parco giochi della città, un’oasi di verde e divertimenti sede della ruota panoramica storica che è il simbolo di Vienna. Un giro nelle sue romantiche cabine in legno per godervi una vista della città da circa 65 metri è d’obbligo!  C’è addirittura una cabina ristorante dove si può cenare a lume di candela aspettando che vi servano le portate tra un giro e l’altro di ruota!

IMG_4549 IMG_4563IMG_4525

7. Schnitzel. Non è una località ma una specialità gastronomica. È la famosa e controversa cotoletta viennese. Controversa, perché la ricetta è in realtà una variante della classica cotoletta alla milanese che rivendica la primogenitura. Noi l’abbiamo gustata in un delizioso ristorantino, il Plachutta, insieme ad altre ottime specialità austriache.

IMG_7209a-860x450_c

8. Sacher Torte! Beh dopo la cotoletta non potete lasciare Vienna senza aver provato la sacher. Noi l’abbiamo mangiata nello storico Hotel Sacher elegantissimo e con un’atmosfera d’altri tempi. Ma dicono sia ottima anche quella della pasticceria Demel che mi riservo per il prossimo viaggio 😉

La-torta-Sacher

Altri viaggi:

Summer 2015 in Menorca

Cosa vedere a Stoccolma in 3 giorni

11 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*